ARDUINO CONTRO I CRYPTOLOCKER (ransomware)!

 

Se conoscete i cryptolocker, conoscete già l'importanza di eseguire regolari backup dei vostri preziosissimi dati, in caso contrario leggete ransomware/cryptolocker

 

Per difendersi dai cryptolocker ci sono svariati metodi, che non necessariamente si escludono l'un l'altro. Nel presente articolo prendiamo in considerazione la realizzazione di uno dei metodi universalmente riconosciuti come fra i più sicuri: il backup

 

Il backup consiste nell'eseguire copie dei propri dati ad inrtervalli regolari di tempo

 

Metodo manuale
Se siete molto metodici potete eseguire il backup su un hard disk esterno che poi scollegherete fino al prossimo backup. In questo modo sarete sicuri che il cryptolocker non potrà attaccare i vostri dati.

 

Metodo automatico
Personalmente preferisco di gran lunga avere dei sistemi di backup automatici, e mi avvalgo in particolare di cobian backup ottimo programma di backup freeware. Il cobian è in grado di fare le copie di backup in automatico ad intervalli di tempo regolari, e di spegnere automaticamente il pc non appena finito le copie

 

Unico neo di questo sitema è che l'hard disk su cui vengono effettuate le copie è necessariamente accessibile dal pc ed eventualmente anche in rete per tutto il tempo in cui è acceso il pc.

 

Quindi tale strategia di conservazione dei dati non è immune dall'attacco dei cryptolocker.

 

Ci vorrebbe un sistema che accendesse l'hard disk prima di iniziare il backup e lo spegnesse subito dopo, in questo modo i dati salvati sarebbero inattaccabili per la quasi totalità del tempo, eccetto nel tempo in cui vengono fatte le copie di backup. Considerando però che il cryptolocker ha bisogno di molto tempo per poter criptare i dati, ecco che l'accessibilità dell'hard disk per tempi brevi diviene una buona strategia di difesa.

 

Allora....idea! Utilizziamo arduino per realizzare un sistema automatico di accensione e spegnimento dell'hard disk.

 

COME SI FA
Questa sezione è dedicata agli smanettoni, o meglio detto in termini internazionali, ai makers, ma è anche interessante per capire il funzionamento del sistema.

 

Consideriamo anche l'aspetto di durata dell'hard disk. Sulla vita di un hard disk, benchè sappiamo essere limitata nel tempo a circa 20 anni, incidono principalmente il numero di accensioni e le ore di funzionamento. Quindi un hard disk usato solo poche ore al giorno fa diminuire sensibilmente il rischio di rottura.